History

CESARE PACIOTTI UNA VITA
NEL MONDO DELLA CALZATURA.

Top

The Designer

Cesare Paciotti, grazie ad una spiccata visione creativa ed avveniristica, ha saputo fare della propria azienda di famiglia il trampolino di lancio per collezioni che da subito hanno conquistato e sedotto star internazionali oltre ad un pubblico selezionato e cosmopolita, consacrandolo stilista carismatico dalla grintosa e riconoscibile impronta GLAM ROCK.

CESARE PACIOTTI nasce a Civitanova Marche, terra indiscussa della tradizione calzaturiera. I genitori Cecilia e Giuseppe conducono un’azienda famigliare di scarpe artigianali, la vera casa di Cesare dove, sin da piccolissimo, “respira” il profumo dei pellami, trascorre il suo tempo tra bozzetti e prototipi, appropriandosi della maestria e dell’artigianalità di mani esperte... preziosa ed inestimabile EREDITÀ.

Terminati gli studi classici, Cesare, spinto dal desiderio di affinare il proprio talento artistico e approfondire la sua passione musicale, frequenta e consegue la laurea presso la rinomata università DAMS di Bologna.


CESARE PACIOTTI
UNA VITA NEL MONDO
DELLA CALZATURA.


Reduce da numerosi viaggi in tutto il mondo, nel 1980 Cesare firma la sua prima collezione di calzature che gli regala immediatamente un grandissimo successo, proiettandolo verso una lunga e straordinaria carriera come fashion designer. Celebrities di tutto il mondo come Rihanna, Beyoncé, Kim Kardashian, Bar Refaeli, Anne Hataway, Taylor Swift, Sienna Miller, Miranda Kerr e molte altre, vogliono ai “loro piedi” le sue creazioni, arrivando così ad instaurare con lui vere amicizie e a creare collaborazioni esclusive.

Nel 1948 Giuseppe e Cecilia Paciotti fondano un’azienda artigiana di calzature, producendo una lineaclassica interamente realizzata a mano con un’attenzione particolare all’utilizzo di materiali di alta qualità e alla cura dei dettagli. Due grandi maestri artigiani che hanno fatto diventare la loro professione la vera passione dei loro figli Paola e Cesare.

Sarà il 1980, l’anno in cui i due fratelli avviano la Paciotti S.p.A. realizzando la prima collezione con il marchio Cesare Paciotti. Grazie all’accorta gestione di Paola e all’estro creativo di Cesare, l’azienda conquista da subito un’ampia notorietà, tanto che prestigiose maison quali Gianni Versace, Romeo Gigli e Dolce Gabbana, la selezionano per produrre le proprie calzature.

Ormai forte di una grande esperienza e di una consolidata maturità artistica, nel 1990, Cesare rivoluziona l’immagine della donna Paciotti, simo ad allora limitata a pochi pezzi dal taglio maschile, introducendo per la prima volta il vertiginoso e riconoscibile tacco stiletto, per scarpe estremamente femminili dall’incedere sensuale.

The Company

Un’azienda che tramanda di generazione in generazione la filosofia e la tradizione del Made in Italy dal 1948 ai giorni nostri

The Brand

Un brand anticonformista che sin dalla sua prima collezione ha rotto gli schemi delle mode del momento, realizzando non solo semplici e scontate calzature ma veri e propri “capi d’alta moda” dai preziosi ricami e dai ricercati accessori.

Innovativo anche nella comunicazione, primo fra tutti, stravolge il messaggio pubblicitario nel mondo della calzatura. Non più scarpe fotografate in “still life” come oggetti inanimati, ma veri e propri capi d’abbigliamento ai piedi di top model di fama mondiale come Natalia Vojnovic, Lily Donaldson, Bianca Balti, Anja Rubik, Isabeli Fontana, Anouck Lepere, Karen Mulder, Carla Bruni e molte atre, in ambientazioni glamour e di grande fascino, immortalati da prestigiosi fotografi internazionali, tra i tanti: Ellen Von Unwerth, Terry Richardson, Mario Sorrenti e Steven Meisel.

Morbi leo risus, porta ac consectetur ac, vestibulum at eros. Donec sed odio dui. Donec ullamcorper nulla non metus auctor fringilla.

Cesare Paciotti un brand protagonista, creativo sul prodotto e rivoluzionario nella comunicazione.


A sintetizzare la forte personalità del brand il ”pugnale” la cui elsa racchiude le iniziali dello stilista diventandone marchio inconfondibile della maison.